Si è verificato un errore nel gadget

31 agosto 2010

Quand'è che vado in ferie?????

Se penso che le mie ferie sono terminate già da due settimane e che come minimo dovrà passare un altro anno prima di poterne fare ancora..IMPAZZISCO!
No perchè, uno lavora tutto l'anno ( anche due di seguito in questo caso), in attesa di quei pochi giorni di riposo e quando si avvicinano ti senti felice come un bambino davanti ad una coppa di gelato al doppio strato di cioccolato e pensi " ecco! ci siamo, sto partendo, sto per buttarmi lo stress alle spalle e, cosa meravigliosa, sto andando lontano dai quegli alieni mutanti che ahimè spesso e volentieri devo incontrare ".
Poi ritorni dalla tua meravigliosa vacanza, disfai la valigia con un po di rammarico ma col piacevole ricordo del mare, del sole..e poi torni al lavoro e con leggero sforzo ci torni anche col sorriso sulle labbra e poi, quando tutto sembra andare per il meglio, ORRORE!!!! quei mostri sono ancora qui e in un nanosecondo, nonostante tutti i miei buoni propositi, ripiombo nel turbine dello stress!
Quindi dicevamo..quand'è che vado in ferie?




Aix en Provence




Una nota per queste ultime 4 foto, questi fantastici biscotti, che io purtroppo posso solo guardare, li abbiamo acquistati da "La cure Gourmande" durante la nostra escursione nella deliziosa Aix en Provence.

25 agosto 2010

Pancakes

Durante la nostra vacanza ho rischiato un triplo infarto ogni mattina nel vedere mia figlia che divorava uova, bacon, pancakes, patate, salsicce e molto altro ancora.
Considerando che a casa, all'ora della colazione, a malapena riesce a dare un morso ad un biscottino , io devo ancora riprendermi dallo shock.
Comunque dopo un breve referendum tra fratelli, è stato deciso che i biscotti saranno banditi dalla prima colazione e che, la quì presente mamma, dovrà spadellare pancakes possibilmente ogni mattina e sempre possibilmente dovrà accompagnare queste deliziose frittelle con una sorta di ragù bianco dal nome ignoto.
Per raggiungere un compromesso tra i tempi decisamente ristretti della prima colazione ( specialmente con la riapertura delle scuole!!!) e l'eventualità di far diventare obesi i miei bambini nel giro di un mese, ho proposto i pancakes con del miele o della semplice marmellata durante la settimana e un vero English breakfast alla domenica, per la gioia di tutti.
Quella che posto è la ricetta base che uso per i pancakes e che ho da tempi immemorabili nel mio quaderno delle ricette. Devo ammettere che quando li ho preparati l'altro giorno ero un po nervosa, con giudici severi come quei due..e poi mi trovavo alla casa al mare dai miei, senza le mie padelle, con tutti gli ingredienti da reperire..beh per farla breve il commento dei miei ragazzi è stato: " mamma!! sono più buoni i tuoi di pancake".
Per fortuna anche stavolta hanno gradito e anche la mia nipotina di un anno mi ha fatto onore.
P.S. nei prossimi giorni posterò anche la ricetta di questo ragù e magari riuscirò ad inventarmi anche un nome adatto.

INGREDIENTI

250 gr farina
2 uova
3 cucchiai d'olio
4 cucchiai di zucchero
250 ml latte
1 cucchiaino di lievito in polvere

Lavorare le uova con la forchetta ed unire la farina setacciata con il lievito, il latte, l'olio e lo zucchero.
Amalgamare bene tutti gli ingredienti fino a formare una pastella densa.
Scaldare una padella antiaderente, è perfetta quella da crepes se l'avete, ungerla leggermente di olio e versare la pastella un mestolo alla volta. Cuocere i pancakes fin quando vedete delle bollicine sulla superficie, quindi con l'aiuto di una spatola girateli e cuoceteli sull'altro lato per un paio di minuti circa.
Una volta pronti si possono gustare con il miele, la marmellata, il famoso sciroppo d'acero di Nonna Papera o con il misterioso ragù amato dai miei misteriosi figli!

E dopo un'abbondante colazione vi lascio anche qualche altra foto !

I mulini a vento di Palma

Barcellona

24 agosto 2010

Le vacanze sono finite...

E' proprio vero quello che si dice, che l'emozione e il desiderio sono più vive nell'attesa di un evento, che poi arriva e vola via in un attimo.
In questo caso parlo delle mie tanto sospirate vacanze ma credo che questa " regola " si possa applicare in qualunque situazione.
Comunque...io e la mia famiglia ci siamo regalati una bellissima crociera sul Mediterraneo, un'esperienza davvero unica per grandi e piccini, anche se, ad essere sincera, qualcuno (tutti e tre per la precisione) ha borbottato in continuazione per le alzatacce alle quali li ho costretti per partecipare alle escursioni. In questo tipo di viaggi le cose da vedere sono tantissime e i tempi ristretti. In ogni caso, tra facce assonnate, pullmann in partenza, paesaggi incantevoli e un'organizzazione eccellente, c'è stato il tempo per rilassarsi nell'idromassaggio, mangiare divinamente, partecipare a cene di gala e molto altro ancora.
Peccato sia finita, ora resta il ricordo e delle belle foto che condividerò con voi.
A chi è tornato dalle vacanze, a chi deve ancora partire, a chi non le farà e a chi è in viaggio con le persone che ama, auguro un buon inizio settimana.
<>
I resti delle terme a Cartagine



Il delizioso villaggio di Sidi Bou Said in Tunisia.